Claudia Dazzini

Biografia

Claudia Dazzini (Pietrasanta, 1968) manifesta sin dalla giovanissima età un'intensa e partecipata passione per l’arte e il disegno, forse ispirata dalla sua città natale in quanto da sempre crocevia di artisti e intellettuali. Dopo il diploma in Stilista di Moda presso l’Istituto Professionale Matteo Civitali di Lucca, i richiami della pittura e della scultura la incentivano ad andare oltre il disegno e la creazione dell’abbigliamento, rafforzata una volta di più dal legame profondo con la sua terra d'origine, con la natura, con il mare. È conseguente l'affetto profondo per il legno, lasciato alla sua forma di tavola vissuta, con la presenza di chiodi arrugginiti, spaccature, squarci causati dall’usura e dal tempo; ma anche radici di albero dalle forme fantasiose e armoniose che l'artista recupera sulle spiagge dopo le violente mareggiate del Tirreno. In pittura invece, di stampo prevalentemente figurativo, le forme sono alleggerite attraverso uno studio funzionale delle masse; e un utilizzo semplice della pennellata in acrilico, olio o pastello - in aggiunta talvolta a fogli di cartone o tele di iuta per imballaggi - inseguendo ciò che l’oggetto di base, come le stesse radici o le tavole distrutte, le suggeriscono: ne risultano avvolgenti agglomerati formali, in continuo rapporto simbiotico tra intenti artistici e risultanze naturali. Proprio i materiali da lei selezionati inseriscono Claudia Dazzini nell'ambito di quell'Arte Povera che, proprio ai nostri giorni, sembra aver riacquistato nuova linfa vitale. In lei, fortunatamente, molto intensa è anche una certa propensione espressionista, di chiaro stampo accademico mitteleuropeo. Legname di fortuna, oli e acrilici, delicate terrecotte e objectes trouvés: i lavori della Dazzini indagano il sensibile rapporto dell'uomo con l'uomo, lasciando all'osservatore la possibilità di partecipare o condividere spontaneamente l'immagine. Attiva sul territorio nazionale sin dal 2000, vive e lavora a Pietrasanta (LU).

 

Claudia Dazzini (Pietrasanta, 1968) manifested since her young age an intense and shared passion for art and design, perhaps inspired by her hometown since always been a crossroads for artists and intellectuals. After graduating in Fashion Stylist at the Professional Institute Matteo Civitali of Lucca, the calls of painting and sculpture incentive her to go beyond the design and clothing creation, strengthened once more by the deep bond with her land of origin, with nature, with the sea. It is resulting in the deep affection for wood, left to its form of living table, with the presence of rusty nails, cracks, gashes caused by wear and time; but also tree roots from imaginative and harmonious forms that the artist recovers after violent storms on the beaches of the Tyrrhenian Sea. In painting, however, predominantly figurative mold shapes are lightened through a functional study of the masses; and a simple brushstroke use acrylic, oil or pastel - sometimes in addition to cardboard sheets or jute cloth for packaging - chasing what the base object, such as the roots or destroyed tables, suggest: resulting enveloping formal agglomerations, continuous symbiotic relationship between artistic intent and natural results. Just the materials she selected Claudia Dazzini fit within that Art Povera that, just today, seems to have regained new life. In her, fortunately, very intense it is also a propensity expressionist clear Central European academic mold. Makeshift timber, oil and acrylic, delicate crockery and objectes trouvés: the work of Dazzini investigates the sensitive relationship between man and man, leaving the viewer the opportunity to participate or share the image spontaneously. Active on the national territory since 2000, she lives and works in Pietrasanta (LU).

 

facebook google twitter pinterest youtube newsletter Iscrivi alla Newsletter