Drago Cerchiari

Biografia

Drago Cerchiari (Milano, 13 marzo 1949). Studia disegno, pianoforte. Molti i pittori, scultori, critici d’arte nella famiglia, tra cui Fausto Zonaro, che divenne pittore ufficiale alla corte dell’ultimo Sultano Ottomano a Istanbul e lo zio, Aldo Cer­chiari, che lo iniziò alla pittura. Nel 1979 dipinge “Meduse” e “I pioppi”, quadri rappre­sentativi di temi che verranno rielaborati e sviluppati negli anni successivi. Nel 1980 si trasferisce a Philadelphia, USA. Fertilissima la produzione, nell’enorme atelier: un edificio dismesso, di fronte alla Town House di 800 Pine Street, usato anche per esibire, studiare, confrontarsi con gli arti­sti emergenti dell’America di quei tempi. Sono gli anni di “Rising Eagle” e “Cavalluccio Marino con Susanna”. Espone alla Galleria Friedman di Philadelphia, alla Galleria Wachat di Boston, alla Galleria Barlow di New York. Inizia un periodo di viaggi che contribuiscono alla sua maturazione culturale: Brasile, Colombia, Argentina, Ve­nezuela. Conosce l’Asia: Malesia, Indonesia, South Korea, Filippine. In Giappone si avvicina ai grandi contemporanei, tra cui Kaij Higashiyama, pittore che ebbe occasione di studiare a lungo. A Mexico City dal 1983, dipinge “Armando Scheleske”, “Dos Mujeres” e “Cat on the snow”. Espone nell’Atelier di Sierra Cotopaxi a Lomas De Chapultepec, alla Galleria Bowman e alla Galleria Ordoñez, e a Buenos Aires alla Galleria Santini. Conosce Nierman, Orozco, la scultrice Carol Muller. In un breve soggiorno a Pittsburgh nel 1984 dipinge “Per Erga”, “No fences”, il bellissimo “Pioggia sul vetro” in se­guito esposto alla Squibb Gallery di New York. Nel 1985 si trasferisce a Princeton, USA. Un nuovo atelier nel bosco. Questo è il periodo degli alberi, “Fences and trees” e “Rain on the glass”. Susanna, il piccolo Ario Darcy, la nascita di Alec Egon, un lavoro creativo che lo porta a viaggiare in­tensamente in Australia, Asia, Africa: tutto contribuisce a rendere il periodo di Princeton il più fertile in assoluto, quello durante il quale sono stati concepiti I quadri più im­portanti, che hanno segnato l’inizio di periodi successivi: “Tre bottiglie e due bicchieri”, “Glicini”, “Quality of Life”, successivamente acquistato dalla Squibb Foundation di New York. Nel 1987 rientra in Italia. È il periodo delle nature morte: “Bottiglie in Grigio” (1990), “Seconda neve, alberi, primo sole”. L’atelier è un vecchio laboratorio. Dopo un periodo a New York, si traferisce nel 1994 a Lo­sanna, in Svizzera. L’atelier, uno chalet in un bosco sul lago di Ginevra, diven­ta uno spazio magico dove creare I grandi quadri della maturità. Sono di questo periodo “Il mio Giappone” (1996), “Liberi seminudi e soli” (1999), “Canada on fire” (2002) e “Fiordi” (2003). Espone a Milano, Imperia, Losanna, Ginevra, New York. Infine la Sardegna. Un atelier sul mare. La scoperta di tecniche miste influenza la produzione dei quadri più recenti; “La Grande Sicilia” (2009) e “Le sedie di Mario” (2010) sono tra i più significativi. Nel 2011 Giorgio Mondadori ha pubblicato un ampio catalogo critico dal titolo 'Le cinque vite del Drago'.

associazione nazionale gallerie d'arte moderne e contemporanee facebook google twitter pinterest youtube newsletter Iscrivi alla Newsletter