Eventi


Mostre personali Maillard, Lucarelli, Brunelli



La Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte

in Via San Felice 18 - Bologna

È lieta di invitarvi

Sabato 31 ottobre 2015

ore 18.00

All’ inaugurazione delle mostre personali di:

 

VINCENT MAILLARD

ANTONIO LUCARELLI

CLARA BRUNELLI

 

VINCENT MAILLARD - Non posso non ricordare il testo che Emanuele Luzzati compose per la sua mostra di illustrazione al Premio Bancarella di Pontremoli nel 1985 dal titolo Confesso che mi diverto e, in modo diverso, ma con lo stesso significato la frase che Flavio Costantini amava ripetermi «… l’importante è non perdere mai il senso del gioco». Due artisti amici, come tanti altri, dell’arte di Vincent che hanno amato il suo mondo, lo spirito di levità trasfuso nelle sculture di terracotta. Teatrini visionari, racconti, pagine vere di “filosofia di vita”, opere, ognuna dotata di una propria energia, evocative di semplicità nel senso pieno del significato. Un invito divertito a sorridere. Se penso all’omino di Vincent lo immagino grande accanto a me, quasi sgomitante, a suggerire di non prendere le cose troppo sul serio, anche nelle situazioni a volte un po’ difficili. Mi piace ricordare, a chi legge queste righe disordinate, che l’idea della mostra è frutto di un percorso, dell’amicizia nata con Vincent al Vicolo di Genova, dalle mostre vissute insieme a Conzano, Apricale con i lavori teatrali di Fiorato, a Pontremoli, alla Biblioteca Berio, dai tanti laboratori tenuti all’istituto per ciechi David Chiossone, che destavano sempre meraviglia per la capacità di saper lavorare con il gruppo, creando un rapporto speciale con ciascun ragazzo: ognuno riusciva a plasmare opere personali, quelle di Sonia, di Laura, di Giorgio, di Barbara e tanti altri. Voglio anche raccontare l’entusiasmo per le opere di Maillard di un amico, per me speciale, Chicco Luzzati, che oltre a infondermi coraggio nel lavoro con Luzzati e Costantini, manifestava spesso il desiderio che si facesse una mostra e un catalogo importanti di Vincent. Non era infrequente che ricevessi una telefonata e incontrarci poco dopo nel mio studio per scegliere una terracotta per persone a cui omaggiarla. Penso, e a me succede, che chi incontra le sculture di Maillard le imprima nella propria biblioteca mentale di immagini importanti. Chi ha la fortuna di possederne una, trae, ogni volta che la guarda, certamente uno spirito migliore. Ogni scultura rappresenta una pagina di letteratura di un libro significativo, quello dell’esistenza. Grazie Vincent per la tua arte, silenziosa ma fortemente preziosa. Tratto dal testo di Sergio Noberini

 

ANTONIO LUCARELLI - Sono nato a Pietrasanta il 19-10-1987, e ricordo di aver iniziato a disegnare con mio nonno ogni giorno dopo la scuola elementare. Fu il mio primo maestro. Seguirono le scuole medie ed i primi studi di storia dell’arte. E poi mi piacerebbe dire di aver continuato, approfondito studiato, frequentato accademie o quant’altro. Ma invece no. La verità è che in seguito al breve periodo detto, interruppi completamente la mia vocazione artistica dandomi a studi scientifici. Perché? Perché decisi che avrei fatto un’altra vita, forse meno precaria e aleatoria, magari il medico. Ma durante quei pomeriggi passati col mio amato nonno a disegnare, qualcosa si accese in me, e quella fiamma inconsapevolmente continuò ad alimentare la vocazione artistica. Questo fuoco cercò spiragli nella poesia, si spinse nella scrittura di prosa, infiltrò l’arte drammatica.  Poi però alla fine incontrò di nuovo una tela. Era una sera di giugno di quattro anni fa. La mia moto venne impattata violentemente da un incosciente e la morte fu vicina. Fu vicina la vita. Da quel momento la spinta nuova, l’attrazione e la forza. Dovevo dipingere ancora. Ed eccomi qua. All’inizio di un percorso spero lungo. Il mio curriculum è la vita. testo di Antonio Lucarelli

 

CLARA BRUNELLI - Clara Brunelli nasce a Visano (BS) ma ha vissuto gran parte della sua vita a Calvisano (BS), da anni risiede a Garda (VR). Ex fotografa professionista , pittrice autodidatta , viaggia molto e ama in particolar modo il deserto del Sahara, dove col marito Fabrizio si è avventurata spesso alla ricerca di Meteoriti.  Nelle sue opere, Clara colloca dei veri frammenti di Meteorite trovata da lei e dal marito in Libia nel Novembre del 1999 in un altopiano conosciuto come Hamada al Hamra. Il peso complessivo di questa Meteorite frantumatosi con l’impatto sul terreno è di 30.077,4gr. Analizzata all’Università di Siena e inserita nel “ The Meteoritical Society” classificata H5/6 e chiamata HAH 296, è, una Meteorite del tipo condrite ordinaria, età approssimativa oltre 4,5 miliardi di anni caduta sulla Terra qualche centinaio di fa.  Le opere nascono alla fine del 2010 con un tema dal titolo “ DALL’INFINITO ALLA TERRA, VIAGGIO DI UN METEORITE” attraverso i suoi dipinti realizzati con colori ad olio ed impreziositi da frammenti di meteorite, ella ci racconta il viaggio di questa pietra cosmica che attraversando nebulose, galassie, pianeti e costellazioni, è arrivata nel deserto in cui l’ha trovata. In ogni suo dipinto non c’è nulla di casuale, i paesaggi, i colori e la suggestione sono cose vissute personalmente e riportate su tela basandosi su emozioni e ricordi, ama il Sahara, ama le Meteoriti e di conseguenza si è innamorata del luogo dal quale provengono. Approfondisce la sua conoscenza riguardo al cosmo e lo rappresenta in base ad un suo schema personale scostandosi da quello scientifico dando una definizione precisa al suo modo di dipingere “Cosmicismo”.  “COSMICISMO” - Per “ Cosmicismo” si intende una linea pittorica e/o tendenza di pensiero dove l’elemento astronomico e comunque cosmologico inteso come raffigurazione di curvatura delle grandi dimensioni, dello spazio tempo, delle galassie, delle orbite dei cosmici, della presenza dei meteoriti, ecc., è predominante. In questa espressione e descrizione della realtà fisica attraverso i colori e le linee, l’uomo è raffigurato, è presente, ma di lui esiste solo lo spirito, l’emozione propria che lui prova a guardare il cielo stellato o a raccogliere un meteorite, cioè un sasso messaggero di uno spazio fossile e profondo, inteso non solo come dimensione universale ma anche come intima base di noi stessi, uomini della Terra. La vita sulla Terra è nata forse grazie ad un meteorite e comunque ciò di cui siamo fatti e di cui le meteoriti sono composte, è ciò che l’universo, attraverso le stelle, produce da sempre.

                                                                                                                                            

Presentazione Mostra:

Dott. Giorgio Grasso

Curatrice mostra:

Deborah Petroni

 

Sponsorizzata e pubblicizzata da:

www.cemusa.com

www.ilpensieroartistico.eu

www.paolobalsamo.it

 

Durata mostra:

dal 31 ottobre al 12 novembre 2015

dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 con orario continuato

Lunedì e domenica chiuso
Ingresso gratuito 

Info e contatti:

Mail: info@wikiarte.com

 

Sito: www.wikiarte.com


Scarica il modulo
facebook google twitter pinterest youtube newsletter Iscrivi alla Newsletter